Tutti i Santi con le note della Musica Præcentio


  • Termina l’Anno liturgico in corso e inizia la fase “invernale”, legata ai Tempi di Avvento e Natale, della musica colta di Musica Præcentio, la Rassegna al servizio della Liturgia curata e organizzata dal Direttore artistico M° Mariella Martelli presso la chiesa jesina di San Giovanni Battista, insieme al Coro Cardinal Petrucci, al secondo anno sotto il Patrocinio del Comune di Jesi, Assessorato alla Cultura.
    Le nozze d’argento sono prossime, sta per terminare la XXIII stagione.


    È lo stesso Maestro Martelli che introduce la Rassegna: «Più si fa buio attorno a noi e più dobbiamo aprire il cuore alla luce che viene dall’alto». La citazione, dalle Lettere di Edith Stein, è la chiave per capire le ragioni e le scelte musicali del Direttore artistico: «Pace, Luce e Misericordia. Il 2015 è l’Anno internazionale della Luce per l’ONU, con la sponsorizzazione dell’Unesco, ed è Anno del Giubileo della Misericordia, indetto da Papa Francesco. Queste sono le tappe ideali del nostro itinerario di Fede, Storia e Arte, guidati del Vangelo, definito “Libro luminoso” anche dai Musulmani».
    Primo appuntamento sarà la Solennità di Tutti i Santi (1 novembre, ore 11). Non va neppure dimenticato che nell’anno corrente ricorre il 70° anniversario della Shoah. A ricordarlo è la citazione dei Corali di Petr Eben – organista e compositore ceco, morto nel 2007 –, scampato al lager di Buchenwald. Testi composti per questa ricorrenza liturgica, che sembrano sottolineare le parole di Papa Francesco (12 aprile 2015): «Ricordare è necessario, anzi doveroso, perché laddove non sussiste la memoria il male tiene ancora aperta la ferita; nascondere o negare il male è come lasciare che la ferita continui a sanguinare senza medicarla!».
    Cristo Re (22 novembre, ore 11) è un appuntamento di grande prestigio, realizzato in collaborazione con l’Associazione monzese Antiqua Modicia, che propone l’Ensemble Il Giardino delle Muse (S. Erre e V. Febbroni, flauti rinascimentali, e F. Schiro, liuto).
    A seguire, la Solennità dell’Immacolata (martedì 8 dicembre, ore 11) ove, insieme all’immancabile Canto Gregoriano interpretato dal Coro Cardinal Petrucci, spiccheranno brani organistici e vocali di Autori che vanno da William Byrd (sec. XVI-XVII) a Louis Vierne (sec. XIX-XX).


    Il Natale di Gesù, (quest’anno di venerdì e sempre alle ore 11) propone la chicca “Noëls”, di Monsieur De Lalande, compositore sei-settecentesco considerato uno dei più importanti autori barocchi, contemporaneo di Luigi XIV, le Roi Soleil. L’interpretazione sarà affidata alla violinista senigalliese Prof.ssa Francesca Landi, accompagnata al basso continuo dal M° Martelli.
    Tra le interpretazioni del Coro Cardinal Petrucci spicca il famoso brano Noël d’enfants, di Gabriel Fauré, un tradizionale Christmas Carol molto conosciuto per le scale del Gloria finale.
    Questo ciclo di appuntamenti musicali terminerà con la Solennità dell’Epifania 2016 (di mercoledì, alle ore 11), nella quale, tra l’organo di Johann Sebastian Bach, che – tra partite e corali – rivolge la sua attenzione al Figlio di Dio che si manifesta all’umanità, e il Coro che, tra gli altri, propone l’Ave Maris Stella di G. Magagnini (tratta dal Fondo Musicale della Collegiata di Montecarotto), spicca in prima assoluta l’interpretazione di “Dyn, Ohr, An-nûr, Phôs… Lux!”, opera della compositrice M° Mariella Martelli, per organo storico italiano, glockenspiel e nastro magnetico.
    Con buona pace di chi non lo sapesse, Dyn è radice del nome Dio, e sta per “luce”, come gli altri lemmi, provenienti da diverse culture (ebraica, musulmana, greca…), tra cui Lux, Luce, appunto…
    Manifesti e pieghevoli sono disponibili in San Giovanni Battista, presso il Comune, i principali esercizi commerciali e presso l’Ufficio del Turismo.


    Oreste Mendolìa Gallino

    Torna in cima alla paginaTorna in cima alla pagina