Arte e catechesi


  • È uscito recentemente in libreria, curato da Edizioni Messaggero Padova, un interessante studio
    che ricalca i programmi di catechesi avviati, ormai da anni, da alcuni Vescovi italiani. Sono piani
    d’intervento che propongono di utilizzare l’arte come veicolo di catechesi, restituendo appunto
    l’arte sacra alla sua originaria funzione: un’idea che non è certo nata ieri. Cito, ad esempio, la Conferenza
    Episcopale della Toscana, che qualche anno fa sollecitava l’uso a fini catechistici della straordinaria
    ricchezza artistica di quella Regione. La CEI ha sempre incoraggiato questo tipo di catechismo,
    non solo perché ciò attiene al suo precipuo compito ma anche per ribadire le opportunità
    che le risorse artistiche del nostro Paese possono offrire per la conoscenza della dottrina della
    Chiesa.
    Andrea Dall’Asta, perciò, fa nulla di nuovo quando scrive Dio storia dell’uomo. Dalla Parola
    all’Immagine (€ 23,00). La novità della sua proposta editoriale sta, invece, nella sua straordinaria
    capacità e competenza di proporre un percorso storico-teologico-artistico-antropologico dell’opera
    d’arte al servizio della Fede, in un itinerario che dal Rinascimento si dipana fino all’arte contemporanea.
    Capacità e competenza, quelle dell’Autore, accreditate da un qualificato cursus studiorum che ne fa
    un interprete di tutto rispetto; come se ciò non bastasse, ricordo che egli è sacerdote gesuita, perciò
    uno che, come tanti ne ho conosciuti (per non andare tanto lontano, potrei citare Mons. Attilio Pastori,
    reggente della parrocchia jesina di San Giovanni Battista), la catechesi te la propone
    dall’ambone durante l’omelia.
    Una riflessione che ho apprezzato molto, tra le tante del suo copioso repertorio di proposte, è quella
    dell’arte intesa come medicina per il dolore latu sensu. Perché bene si adatta anche al disagio esistenziale
    di questo tempo frastornato dalla fatica dell’esistere, sforzo che si riverbera nella carne
    non solo tormentata dalla malattia.
    Ricordo che il pittore olandese Johannes van der Meer, altrimenti Jan Vermeer (1632-1675), nel suo
    dipinto “La lezione di musica” (1633, Royal Collection, Londra), dipinge sul coperchio aperto della
    spinetta la frase emblematica “Musica letitiæ comes medicina dolorum”, musica come medicina per il
    dolore.
    La lezione che impartisce l’artista protestante fa da contraltare al IV capitolo del libro di Dall’Asta,
    titolato Cristo, volto di un’umanità ferita. L’Autore cita il polittico (o altare) di Isenheim (1512-1516)
    di Mathias Grünewald (1480-1528), «uno dei capolavori della pittura europea del XVI secolo». «La
    ricerca di Grünewald», dice Dall’Asta, «non intende presentare la persona del Cristo a partire dalla
    bellezza classica, ma s’interroga soprattutto sul significato che l’immagine di Gesù può rivestire
    per fedeli colpiti da malattie, piaghe, sofferenze indicibili». È come fare parlare la bocca cui il cuore
    del paziente fa dire: «In che modo il Cristo mi salva, mi libera dal dolore e dall’angoscia della morte?
    ». Infatti, i malati ospiti dell’ospedale presso cui si trovava la pala avevano l’abitudine di toccare
    l’immagine di Gesù che agonizza sulla croce, convinti che essa avesse poteri taumaturgici: perché
    il Christus patiens è anche il Deus absconditus che si nasconde nei drammi della precaria condizione
    umana.
    La salvezza, qualunque essa sia, che viene dal Verbo incarnato per condividere la condizione umana:
    una stupenda catechesi che l’arte pittorica, in «un percorso necessariamente interdisciplinare
    » traccia come possibilità di riappropriarsi della consapevolezza di «riconoscersi “immagine e
    somiglianza” di Dio, per aprirsi alla sua conoscenza». Un cammino di scoperta, continua Bartolomeo
    Sorge (Prefazione, 7), in cui non bastano da sole né la ragione, né la filosofia, né la teologia, né
    l’antropologia, ma la fede, la quale è sola “luce” in grado di dare senso pieno alla storia di Dio come
    storia dell’uomo» (cfr. Papa Francesco, Lumen Fidei).
    Una proposta, quella di Dall’Asta, che merita d’essere approfondita in un dibattito pubblico presso
    le biblioteche Petrucciana o Planettiana: una sfida culturale e catechetica che lancio sia all’Autore
    sia a S.E. il Vescovo Rocconi.
    Oreste Mendolìa Gallino

    Torna in cima alla paginaTorna in cima alla pagina

Informazioni

Data: mercoledì 19 novembre 2014

Argomento: CatechesiVisualizza tutti gli interventi di questo Argomento | Commento al Vangelo

 

Parole Chiave:

 

Stampa interventoStampa intervento

Invia per emailInvia per email

Salva articolo nella Lista PreferitiSalva nella Lista Preferiti