Roberto Mancini: "Serve un nuovo umanesimo"


  • "In questo contesto mondiale in cui tutti i governanti e le istituzioni ci parlano di crisi e di sacrificio, gli adulti si sono arresi al pessimismo, si sono arresi alla propaganda del sacrificio e della depressione. Occorre che gli adulti si risveglino, che diano cuore, corpo e ragione alla loro umanità". Lo ha detto a Rovereto il prof. Mancini il quale si dice convinto che serva un nuovo umanesimo per uscire dalla crisi.

    Senza fare sconti a nessuno né alla chiesa cattolica "appesantita e autoreferenziale", né alla politica "incapace di progettualità", né all'economia che "chiede solo sacrifici agli altri".

    Roberto Mancini, professore di Filosofia teoretica all' Università di Macerata afferma che la vera emergenza educativa non sono i giovani, bensì gli adulti. "Spenti, privi di passioni" li ha definiti.

    Nel nuovo umanesimo di mancini figurano parole come gratuità, amore, felicità, reciprocità. Secondo il filosofo bisogna ripartire dalle bambine e dai bambini, porre attenzione alla tessitura dell'essere umano perché il punto fondamentale è uscire dalla sindrome di Stoccolma collettiva, da questa depressione collettiva generalizzata, che ci chiede sacrifici per tutto, che ci toglie creatività e umanità"

    Mancini esorta ad assumere una posizione eretta e riappropriarci della felicità in una dimensione di vita comune. "Perché la felicità privata non esiste. Il bunker antiatomico non dà felicità. L'edonismo, il privilegio e la fortuna sono caricature grottesche della felicità. Non ci aspettiamo soluzioni dai partiti, dall'economia, dalle istituzioni religiose così appesantiti dalla loro autoreferenzialità. Ci chiedono sacrifici: la religione in nome della morale e nella dimensione del premio e del castigo; l'economia nella logica per la quale il nostro massimo obiettivo dovrebbe essere la sopravvivenza. Occorre invece essere fedeli alla felicità, concreta, quella che si costruisce solo nella condivisione con le persone, e nella giustizia".

    Per il filosofo l'educazionenon è una preparazione 'alla vita' come se questa fosse una meta. "L'educazione è già vita! Serve piuttosto un'educazione 'nella vita', nella pace, nella giustizia. In questo quadro la politica mostra di trattare l' educazione e la scuola come mere questioni di bilancio economico. Non si può gestire la scuola mandando la polizia ai ragazzi che si interrogano sul proprio futuro e chiedono solo di partecipare. Occorre invece ripartire dai bambini, liberando in loro la fiducia di cambiare qualcosa nel mondo. Noi li abbiamo costretti ad adattarsi al peggio, per poi biasimarli perché non sono allenati alla tenacia".

    Ed ecco le sue prospettive: "Dobbiamo avere il coraggio di creare un'autoeducazione sociale, nei luoghi dove viviamo, nella scuola, nel quartiere, nelle zone franche, dove non contano le prestazioni e il denaro, ma le persone e gli affetti. Solo così riusciamo a costruire una risposta a quella crisi di cui tutti parlano. Quando una comunità prende in mano la propria convivenza, pretende che i diritti umani siano rispettati, riporta giustizia. Allora quella comunità sta facendo una grande opera di autoeducazione e apprendimento. La scuola e le famiglie da sole non potranno cambiare la situazione senza grandi percorsi di autoeducazione sociale. Basta quindi aspettare immobili la crisi! Riprendiamo l'iniziativa, usciamo da questa crisi alimentata ad arte. Allora noi adulti testimonieremo che non siamo nati per competere né per sopravvivere, ma per un'esistenza così amorevole che alla fine nemmeno la morte avrà l'ultima parola".
     

    Torna in cima alla paginaTorna in cima alla pagina

Informazioni

Data: lunedì 20 maggio 2013

Argomento: CulturaVisualizza tutti gli interventi di questo Argomento | Politica

 

Parole Chiave:

 

Stampa interventoStampa intervento

Invia per emailInvia per email

Salva articolo nella Lista PreferitiSalva nella Lista Preferiti