"L'analfabeta politico" di Bertolt Brecht


  • Il peggiore analfabeta è l’analfabeta politico.
    Egli non sente, non parla, né s’interessa 
    degli avvenimenti politici.
    Egli non sa che il costo della vita,
    il prezzo dei fagioli, 
    del pesce, della farina, dell’affitto, 
    delle scarpe e delle medicine
    dipendono dalle decisioni politiche.
    L’analfabeta politico è così somaro
    che si vanta e si gonfia il petto
    dicendo che odia la politica.

    Non sa l’imbecille che 
    dalla sua ignoranza politica nasce la prostituta,
    il bambino abbandonato, l’assaltante, 
    e il peggiore di tutti i banditi, 
    che è il politico imbroglione,
    il mafioso, il corrotto,
    il lacchè delle imprese nazionali e multinazionali

    Bertolt Brecht

    Torna in cima alla paginaTorna in cima alla pagina

Informazioni

Data: domenica 10 febbraio 2013

Argomento: CulturaVisualizza tutti gli interventi di questo Argomento | Teologia

 

Parole Chiave:

 

Stampa interventoStampa intervento

Invia per emailInvia per email

Salva articolo nella Lista PreferitiSalva nella Lista Preferiti