Piacenza: Concilio tradito


  • Il Concilio vaticano II è stato un evento grandioso", "il più grandioso, ecclesialmente parlando, del secolo scorso", e "ovviamente non è finito, perché i Concilii vanno sull`onda dei secoli, non sull`onda degli anni: è chiaro",ha detto il cardinale Mauro Piacenza, prefetto della congregazione del Clero. Senza riferimento alla vicenda dei lefebvriani - i tradizionalisti che hanno compiuto uno scisma dalla Santa Sede sulla scia delle critiche al Concilio e, ora, sono in negoziato con Roma per rientrare nella Chiesa cattolica - il cardinale Piacenza, in un'intervista a 'Radio vaticana' ha detto: "Io credo che si dovrebbe dire basta ai tradimenti del Concilio Vaticano II e spalancare la porta alla obbedienza ai testi del Concilio Vaticano II e a tutto quello che i Papi e il Magistero autentico della Chiesa hanno detto nell`interpretare, nel leggere, nel porgere il Concilio Vaticano II". Il Concilio vaticano II "deve diventare per noi una bussola sicura per orientarci nel cammino, per rispondere alle domande della nostra gente e per organizzarci sulla nuova evangelizzazione", per Piacenza. Esso "ha avuto molte persone che se ne sono riempite la bocca ma poche persone che lo hanno studiato per come è e non lo hanno tirato per i capelli per fargli dire quello che loro volevano che dicesse; quindi, bisogna riscoprire i testi del Concilio, bisogna riscoprire le parole stesse del Concilio, perché quelle sono da leggersi in ginocchio!

    pubblicato su www.lastampa.it    il 4.5.12

    a cura del vaticanista de la stampa

    Torna in cima alla paginaTorna in cima alla pagina