Fondo di solidarietà parrocchiale


  • Il consiglio parrocchiale di San Giovanni Battista di Jesi ha istituito un fondo di solidarietà finalizzato a rispondere ad alcune emergenze economiche che stanno investendo un numero crescente di persone e famiglie della nostra parrocchia. Parte del fondo sosterrà le attività della Associazione San Vincenzo de’ Paoli parrocchiale che già da anni opera nella nostra comunità. 

    L’obiettivo è organizzare una raccolta fondi che coinvolga altre persone oltre a quelle che già fanno riferimento alla sopra menzionata associazione.

    Da sempre ci sono situazioni che interpellano la nostra parrocchia ma l’attuale crisi economica ci ha spinti ad inventare nuove modalità di aiuto cercando anche di dare continuità e stabilità alla solidarietà attraverso donazioni sia saltuarie sia permanenti.  

    L’attuale crisi interpella le istituzioni pubbliche e le realtà private e come parrocchia vorremmo dare il nostro contributo, consapevoli che saranno nuovi modelli di sviluppo sociali ed economici a tutelare maggiormente le persone di Jesi come in ogni altra parte del mondo.

     Il fondo funziona attraverso un consiglio di gestione sotto il controllo del consiglio parrocchiale.   

    Abbiamo aperto un conto corrente bancario le cui coordinate sono:

    nuovo codice IBAN: IT18D0311121205000000019607
    intestato a: CHIESA SAN GIOVANNI BATTISTA - OPERE PARROCCHIALI

    Si possono fare donazioni saltuarie oppure versamenti periodici (ogni mese o due, altro); con questa seconda modalità saremo in grado di poter contare su risorse sicure e garantire una maggiore stabilità all’intervento.

    L’entità del versamento è, ovviamente, libera, ma è importante creare una rete solidale fatta anche di modesti ma diffusi versamenti.

    Chi non vorrà effettuare il bonifico bancario periodico può versare direttamente i contributi ad uno dei membri del consiglio di gestione o al parroco.

    Vi invitiamo a diffondere l’iniziativa e a contattarci per qualunque ulteriore chiarimento.

     

    Torna in cima alla paginaTorna in cima alla pagina

Informazioni

 


Stampa notizia

Invia per email