Corona

  • Da una lista arcuata e delimitata da cornici a tortiglione, sorgono cinque volute fitomorfe inframmezzate da fiori che si riuniscono, in alto, formando un motivo a volute. Sul globo è posta una crocetta apicale di forma floreale con una pietra azzurra al centro. Sulla fascia arcuata sono incastonate nove pietre colorate rettangolari e rotonde. L'oggetto è nominato, insieme a un monogramma con la lettera M, in un inventario, compilato per ordine di monsignor Alessandro Magnarelli, nel novembre 1889.

    La corona e il monogramma erano posti su un dipinto di Silverio Capparoni, eseguito con gusto barocco, che si trova nella Cappella di San Girolamo all'interno della chiesa. Estremamente seriale e semplice, 1'arredo è però molto importante come documento storico. giacché allunga le note biografiche dell ' artista fino al 1880. Le sole notizie riguardanti Francesco Novelli, infatti, si avevano nel 1798 quando venne censito come orefice di Jesi abitante nella parrocchia della Cattedrale, e il 16 aprile 1811 quando depositò il suo bollo raffigurante un gallo.

     

    Francesco Novelli ( ... l798-181l.. .)
    1880
    9.8 x IS cm.
    Jesi

    Materia e tecnica: argento dorato sbalzato, cesellato e traforato

    Iscrizioni: F. NOVELLI FECIT JESI 30 MAGGIO 1880, sulla parte posteriore della lista arcuata

Dettagli dell'opera

Autore: Francesco Novelli

Data realizzazione: 1880


Stampa scheda

Invia per email