UPDIKE per oggi...

     


    Per la verità, lei e io eravamo sufficientemente felici in due, non chiedevamo un figlio al Cielo.

    Lei era una principessa serba, come ti è stato detto più di una volta, trascinata qui dal sud da mio padre, il grande Hother, tra le prede di una sanguinosa razzia.

    Quello che non ti è stato detto fino a questa nostra conversazione è che lei odiava me, figlio dell’assassino di suo padre, e continuò a odiarmi fino alla cerimonia nuziale e oltre.zAveva capelli scuri e pelle chiara e per sei mesi con unghie, denti e tutta la forza delle fragili membra rese vano ogni mio tentativo di possederla. Quando finalmente ci riuscii, approfittando della debolezza conseguente a una sua malattia, lei tentò di por fine alla sua vita con una spada, tanto odiava l’idea di aver ceduto a quella contaminazione - la contaminazione all’origine della vita.

    Eppure, di lì ad altri sei mesi, la mia persistente gentilezza e le infinite piccole tenerezze e attenzioni che un marito ma- nifesta come omaggio a una sposa amatissima, fecero nascere in lei l’amore.

    L’antica animosità continuava ad alimentare uno speciale fuoco nella sua passione, una furia che molte volte non riusciva ad essere soddisfatta. Eravamo spinti a unirci ripetutamente, come se nel nostro accoppiarci - serba e danese, bruna e biondo -  potessimo scoprire la soluzione  del mistero del mondo.......

     

    John Updike

    (da “Una storia in Danimarca” - 2000; ed.it. 2001)

     

    [...]



Le altre settimane

Ecco le frasi delle domeniche passate. Per riflettere durante la settimana.

Modifica fraseModifica frase


Leggi le Notizie parrocchiali

Iscriviti ad una Newsletter

Sottovoce

Il giornalino della Parrocchia, scopri il suo archivio e leggi il nuovo numero.