Getsemani. "Ah, miei piedi nudi, che camminate

    sopra la sabbia del deserto!
    Miei piedi nudi, che mi portate
    là dove c'è un' unica presenza
    e dove non c'è nulla che mi ripari da nessuno sguardo!
    … omissis …
    Come già per il popolo d'Israele o l'apostolo Paolo,
    il deserto mi si presenta come ciò
    che, della realtà, è solo indispensabile.
    O, meglio ancora, come la realtà
    di tutto spogliata fuori che della sua essenza.
     … omissis …
    Non c'è infatti, qui intorno, niente
    oltre a ciò che è necessario:
    la terra, il cielo e il corpo di un uomo.
    … omissis …
    Bene. E cosa dire di me?
    Di me, che sono dove ero, e ero dove sono,
    automa di una persona reale
    mandato nel deserto a camminare per essa?
    IO SONO PIENO DI UNA DOMANDA A CUI NON SO RISPONDERE.
    Triste risultato, se questo deserto io l'ho scelto
    come il luogo vero e reale della mia vita!
    … omissis …
    Nel profondo silenzio dell'evocazione sacra,
    mi chiedo allora se, per andare nel deserto,
    non bisogni avere avuto una vita
    già predestinata al deserto; e se, dunque,
    vivendo nei giorni della storia - così meno bella,
    pura ed essenziale della sua rappresentazione –
    non bisogni aver saputo rispondere
    alle sue infinite e inutili domande,
    per poter rispondere, ora,
    a questa del deserto, unica e assoluta."
     
     Pier Paolo Pasolini “Ah, i miei piedi nudi”,  prima parte, tratto da Teorema - Garzanti 1969.
    [...]



Le altre settimane

Ecco le frasi delle domeniche passate. Per riflettere durante la settimana.

Modifica fraseModifica frase


Leggi le Notizie parrocchiali

Iscriviti ad una Newsletter

Sottovoce

Il giornalino della Parrocchia, scopri il suo archivio e leggi il nuovo numero.