SOLARE


     

    Sospeso volto di leone

    che al centro

    di un cielo disadorno si riversa

    come stai immoto,

    e quale fioritura,

    unica e priva di steli, spargi

    senza aiuto né compenso.

     

    L’occhio ti scorge

    semplificato dalla distanza

    in un’origine,

    testa fiammante di petali

    in esplosione infinita.

    Il calore è l’eco del tuo

    oro.

     

    Coniato là, sulle linee

    solitarie dell’orizzonte,

    tu esisti apertamente.

    I nostri bisogni d’ora in ora

    salgono e poi, come angeli, ritornano.

    Tu sei come una mano che si apre

    e che in eterno  dona.

     

     

     

    IL  FALCIATORE

     

    La falciatrice si bloccò, due volte; inginocchiandomi trovai

    un porcospino imprigionato tra le lame,

    ucciso. Era vissuto nell’erba alta del prato.

     

    L’avevo già visto e gli avevo pure dato da mangiare, una volta.

    Adesso avevo irrimediabilmente distrutto il suo mondo discreto.

    La sua sepoltura non mi fu di nessun aiuto:

     

    al mattino io mi svegliai e lui no.

    Il primo giorno dopo una morte, la nuova assenza

    resta sempre lì – uguale;

     

    dovremmo essere l’uno dell’altro attento,

    e gentili anche, finché ci resta un po’ di tempo.

     

             PHILIP  LARKIN      (1922-1985)

           (da “Finestre alte”,  Einaudi  2002)

     

    Traduzione di  E. Testa

     

    “Il falciatore” è un testo successivo alla

    pubblicazione di “Finestre alte”, ma è

    [...]



Le altre settimane

Ecco le frasi delle domeniche passate. Per riflettere durante la settimana.

Modifica fraseModifica frase


Leggi le Notizie parrocchiali

Iscriviti ad una Newsletter

Sottovoce

Il giornalino della Parrocchia, scopri il suo archivio e leggi il nuovo numero.