Prototipo della generazione “scapigliata”


     

    Ell’era così fragile e piccina

    che, più che amor, di lei pietà sentìa;

    d’angioletto parea la sua testina,

    così diafana ell’era e così pia.

     

    Le orazioni dicea sera e  mattina,

    di notte avea paura e non dormìa,

    piacevanle le bacche di uva spina,

    le chicche, e mi dicea “dolcezza mia”.

     

    Ella era piena di delicatezze,

    piangea di tutto e sorridea di tutto,

    vivea di zuccherini e di carezze.

     

    Eppur quel fior sì frale e delicato

    ha la mia forte gioventù  distrutto,

    ha la saldezza  del mio cor spezzato.

     

            IGINO  UGO  TARCHETTI      (1841-1869)

            (a p. 435 di “Poeti minori dell’Ottocento

            italiano”, a cura di F. Ulivi,  Vallardi 1963)

    [...]



Le altre settimane

Ecco le frasi delle domeniche passate. Per riflettere durante la settimana.

Modifica fraseModifica frase


Leggi le Notizie parrocchiali

Iscriviti ad una Newsletter

Sottovoce

Il giornalino della Parrocchia, scopri il suo archivio e leggi il nuovo numero.