S I M O N I A

            

     

    O Simon mago, o miseri seguaci

    che le cose di Dio, che di bontate

    deon essere spose, e voi rapaci

    per oro e per argento avolterate,

    or convien che per voi suoni la tromba,

    però che ne la terza bolgia state.

                                                                  (Inferno  XIX   1-6)

     

     

    Vi era da tempo in città [città samaritana] un tale di nome Simone, che praticava la magia e faceva strabiliare gli abitanti della Samaria, spacciandosi per un grande personaggio. A lui prestavano attenzione tutti,  piccoli e grandi, e dicevano: “Costui è la potenza di Dio, quella che è chiamata Grande”.  Gli prestavano attenzione, perché per molto tempo li aveva stupiti con le sue magie.  Ma quando cominciarono a credere a Filippo, che annunciava il Vangelo del regno di Dio e del nome di Gesù Cristo, uomini e donne si facevano battezzare. Anche lo stesso Simone credette e, dopo che fu battezzato, stava sempre attaccato a Filippo.  Rimaneva stupito nel vedere i segni e i grandi prodigi che avvenivano.

    Frattanto gli apostoli, a Gerusalemme, seppero che  la Samaria aveva accolto la parola di Dio e inviarono a loro Pietro e Giovanni. Essi scesero e pregarono per loro perché ricevessero lo Spirito Santo; non era infatti ancora disceso sopra nessuno di loro, ma erano stati soltanto battezzati nel nome del Signore Gesù. Allora imponevano loro le mani e quelli ricevevano lo Spirito Santo.

    Simone, vedendo che lo Spirito veniva dato con l’imposizione delle mani degli apostoli, offrì loro del denaro dicendo: “Date anche a me questo potere perché, a chiunque io  imponga le mani, egli riceva lo Spirito Santo”.

    Ma Pietro gli rispose: “Possa andare in rovina, tu e il tuo denaro, perché hai pensato di comprare con i soldi il dono di Dio!  Non hai nulla da spartire né da guadagnare in questa cosa, perché il tuo cuore non è retto davanti a Dio. Convèrtiti dunque da questa tua iniquità e prega il Signore che ti sia perdonata l’intenzione del tuo cuore.  Ti vedo infatti pieno di fiele amaro e preso nei lacci dell’iniquità”.

    Rispose allora Simone: “Pregate voi per me il Signore, perché non mi accada nulla di ciò che avete detto”.         (Atti degli Apostoli     8    9-24)

     

    [...]



Le altre settimane

Ecco le frasi delle domeniche passate. Per riflettere durante la settimana.

Modifica fraseModifica frase


Leggi le Notizie parrocchiali

Iscriviti ad una Newsletter

Sottovoce

Il giornalino della Parrocchia, scopri il suo archivio e leggi il nuovo numero.